Nuove capsule di farmaci allevia i diabetici da iniezioni spiacevoli

L'insulina e altri farmaci a base di proteine ​​non possono essere preparati come compresse facili da assumere perché non possono resistere al passaggio attraverso il tratto gastrointestinale. Altri farmaci possono essere iniettati nel corpo dissolvendosi e digerendo, come il cibo normale, ma l'insulina deve essere erogata direttamente nel flusso sanguigno. Gli scienziati americani hanno fatto un importante passo avanti nella risoluzione di questo problema creando una capsula di farmaco con microaghi.

Nel 2014 è stata sviluppata una tecnica per iniezioni sicure attraverso la mucosa dell'intestino tenue, nel 2016 è apparso il design di un sistema pieghevole con aghi e nel 2018 è stato mostrato un prototipo di capsula che iniettava insulina nel sangue attraverso le pareti dello stomaco. Ora gli scienziati hanno presentato una nuova versione della capsula che resisterà al viaggio attraverso l'ambiente aggressivo dello stomaco fino all'intestino tenue.

L'intestino tenue è interessante in quanto le sue membrane non hanno terminazioni nervose e quindi le iniezioni sono assolutamente indolori qui. Ciò ha permesso di condurre esperimenti su suini con lunghezze dell'ago fino a 30 mm, ma per gli esseri umani è stato fissato un limite di 1 mm. Questo è sufficiente per sfondare la mucosa e iniettare il medicinale, ma allo stesso tempo le dimensioni del dispositivo stesso sono significativamente ridotte. Questo è importante per non creare un rischio di blocco intestinale.

L'acido dello stomaco da un ostacolo si è trasformato in un assistente principale quando gli scienziati hanno selezionato i materiali necessari per la capsula. Il suo guscio esterno resisterà esattamente fino a quando non entrerà nell'intestino tenue, dove cadrà a pezzi, e le micromolle apriranno una "stella" fatta di piastre di microaghi. Inoltre si dissolverà e alla fine dell'iniezione si separerà in piccoli pezzi separati che usciranno naturalmente. I primi successi ispirano gli scienziati: sono pronti a sviluppare microcapsule per la somministrazione di qualsiasi tipo di farmaco.