Toyota costruirà la propria "città del futuro" in Giappone

Toyota ha annunciato la creazione di una nuova città aziendale chiamata "Woven City". Sarà situato in un ex impianto di produzione ai piedi del Monte Fuji e sarà un grande simulatore o modello della città del futuro. In effetti, sarà un vero e proprio insediamento per testare nuove tecnologie di infrastrutture urbane.

Woven City è una discarica di 70 ettari con un layout perfetto. L'architettura è secondaria, l'importante è il riempimento della città, che consiste in auto per diversi scopi e gradi di autonomia. Ci saranno anche persone, circa 2.000 persone, ma a loro verrà assegnato il ruolo di "tester" - invece della vita ordinaria, effettueranno una serie di test per valutare l'efficacia delle nuove tecnologie.

I principali abitanti di Woven City sono i robot, principalmente droni e componenti mobili del sistema di casa intelligente. L'aspirapolvere coordinerà il programma di pulizia con l'arrivo del camion dei rifiuti, il robot da cucina ordinerà la consegna dei nuovi prodotti e la piattaforma di trasporto li porterà dal magazzino del negozio. Niente auto e niente sistemi manuali, solo i droni a emissioni zero guideranno sulle strade.

Tuttavia, è previsto anche un posto per ciclisti e pedoni e le strade sono separate in modo che nessuno si intersechi con nessuno. I dettagli sono stati affidati all'architetto danese Bjarke Ingals e Toyota racconterà più in dettaglio il dispositivo Woven City prima di lanciare il progetto nel 2021.