Mighty Buildings stampa edifici residenziali in 24 ore

Grazie all'uso di pietre sintetiche uniche e stampanti 3D da costruzione, gli specialisti di Mighty Buildings hanno imparato a stampare case a tutti gli effetti con un'area di 33 mq. in sole 24 ore. E questo non è solo un esperimento concettuale: la startup sta già costruendo attivamente case 3D in California e prevede di espandersi.

Mighty Buildings è tutt'altro che l'unica azienda che padroneggia le tecnologie di costruzione additive. Ma ciò che lo distingue dalla concorrenza sono i materiali utilizzati. Mentre altri sviluppatori utilizzano materiali di stampa liquidi a base di cemento, Mighty Buildings punta su un analogo di pietra sintetica. Il materiale viene posato da una stampante 3D e si indurisce quasi istantaneamente a causa dell'irradiazione UV. Ciò consente di creare strutture orizzontali complesse da esso senza utilizzare supporti di supporto.

Oggi, molte aziende mirano a sviluppare una tecnologia che creerà edifici vivibili in un iconico 24 ore. Mighty Buildings ammette di aver raggiunto questo risultato attraverso l'utilizzo di kit di componenti già pronti. Inoltre, invece di stampare l'edificio in loco, l'azienda lo crea nel proprio stabilimento, il che semplifica notevolmente e riduce i costi del processo. Alla fine della stampa, tutte le superfici della nuova casa vengono rifinite da robot. Mighty Buildings spera di riuscire un giorno ad automatizzare l'80% dell'intero processo di costruzione.

Il materiale utilizzato da Mighty Buildings si solidifica istantaneamente sotto l'influenza della radiazione ultravioletta