Il reattore a neutroni di Elysium Technologies elaborerà i rifiuti nucleari in modo rapido e sicuro

Negli Stati Uniti, c'è una rinascita di interesse per la tecnologia dei reattori nucleari a sale fuso. Uno degli attori più promettenti in questo mercato è una startup Elysium Technologies, che sviluppa progetti per reattori su larga scala con una capacità da 10 MW a 1200 MW.

È importante notare che ora l'intero progetto Elysium è più di natura politica, educativa, piuttosto che commerciale. In primo luogo, gli esperti lamentano il concetto immeritatamente dimenticato di reattori a sale fuso che è stato estromesso dall'industria. Danno un'analogia con le auto elettriche, che furono inventate prima delle auto con motori a combustione interna, ma scomparvero dalla vista per un secolo. In secondo luogo, un modello di reattore piccolo, anche minuscolo, è più adatto per la registrazione presso la Commissione per la regolamentazione nucleare degli Stati Uniti e il concetto Elysium consente di costruire tali sistemi a basso costo.

Tra i vantaggi, è indicato che si tratta di un reattore a neutroni veloce, grazie al quale può bruciare quasi tutti i combustibili radioattivi, compresi i rifiuti e il plutonio per armi ricondizionato. L'elisio brucia il 95% del suo carburante e i suoi rifiuti sono dominati da elementi con un periodo di decadimento completo di 300 anni, anziché 10.000 anni, come in altri reattori. Lavorare con neutroni veloci richiede una protezione speciale, ma la maggior parte dei processi avviene a pressione atmosferica e non a pressione elevata: il sistema è sicuro.

Una caratteristica unica del reattore Elysium è chiamata "valvola di emergenza naturale". È una sezione di un tubo con raffreddamento attivo, motivo per cui al suo interno è costantemente presente un tappo di sale congelato. Se si verifica un incidente e si verifica un surriscaldamento, il contenuto del reattore scorrerà lungo il tubo, fonderà il tappo e si riverserà in modo sicuro in contenitori raffreddati passivamente. Come funziona nella realtà, gli ingegneri promettono di mostrare nel prossimo futuro su un modello da 10 megawatt, se la sua costruzione sarà approvata dal governo degli Stati Uniti.