La prima carne sintetica certificata al mondo ad apparire nel ristorante di Singapore

La prima volta al mondo che le autorità hanno approvato la vendita di carne di pollo artificiale è avvenuta a Singapore. La startup Eat Just ha raggiunto il successo. La produzione tradizionale di carne richiede l'utilizzo di vaste risorse di terra, acqua, energia e genera emissioni di gas serra. Quindi scienziati, ambientalisti e aziende di alimenti tecnologici sono alla ricerca di modi più sostenibili per nutrire l'umanità.

Diverse startup stanno già lavorando in questa direzione, come Impossible Foods, che utilizza le cellule vegetali come base, mentre altre, come KFC e Aleph Farms, lavorano con i tessuti animali. Eat Just prende un piccolo numero di cellule da animali reali e le nutre con oligoelementi identici come se fossero un organismo vivente. Il processo di crescita avviene all'interno del bioreattore e alla fine le cellule si trasformano in bistecche commestibili.

Eat Just assicura che questo pollo è indistinguibile dal naturale, ha lo stesso valore nutritivo e non contiene antibiotici. La carne allevata in provetta genera il 78-96% in meno di emissioni di gas serra, il 99% in meno di terra e il 96% in meno di acqua rispetto al pollo convenzionale. La Singapore Food Agency ha verificato la conformità sanitaria dell'azienda e ha approvato il pollo sintetico come ingrediente nei piatti di pollo per un ristorante locale.

Eat Just non si fermerà con il pollo e sta già lavorando all'allevamento di manzo artificiale da bovini californiani e gabbie wagyu giapponesi.