Singapore sviluppa aerogel che estrae l'acqua potabile pulita dall'aria

Un team di scienziati dell'Università Nazionale di Singapore (NUS) ha sviluppato un aerogel di spugna che estrae l'umidità dall'aria e la trasforma in acqua potabile pulita.

L'aerogel si basa su lunghi polimeri serpentini su una struttura organometallica, che sono caratterizzati da un'ampia superficie. Grazie alla struttura appositamente selezionata, l'aerogel attrae e respinge l'acqua. In pratica, si presenta così: un aerogel rimuove le molecole d'acqua dall'aria, le condensa in un liquido e quindi rilascia l'acqua raccolta senza richiedere ulteriori sforzi di spremitura. Alla luce diretta del sole, vengono aumentate le proprietà idrorepellenti del gel, che converte fino al 95% del vapore raccolto in acqua potabile.

Nei test di laboratorio, i ricercatori hanno testato la resistenza del materiale per 1400 ore. I risultati sono stati più che incoraggianti: le caratteristiche dell'acqua potabile ottenuta erano nel pieno rispetto dei requisiti dell'OMS. Ad alta umidità, solo 1 kg di aerogel può produrre fino a 17 litri di acqua potabile al giorno, e questo nonostante il materiale stesso sia molto leggero e non occupi spazio.

I ricercatori notano la semplicità del design per produrre acqua, che inoltre non richiede energia e funziona senza parti meccaniche in movimento. Attualmente, gli scienziati stanno cercando investitori e partner commerciali per implementare la tecnologia nella produzione.