Il motore antigravitazionale potrebbe diventare una realtà - afferma uno scienziato russo

L'autore dell'invenzione è lo scienziato russo Vladimir Leonov. Secondo lo stesso inventore, più di 5 anni fa ha testato un motore quantistico con una spinta impulsiva orizzontale di 50 kg. E lo scorso anno, il modello migliorato del peso di 54 kg ha superato il risultato iniziale di oltre 10 volte.

La differenza fondamentale tra un motore quantistico e un motore a razzo è nel rapporto tra potenza e spinta da essi generati. Quindi, con una potenza di 1 kW, il motore a razzo è in grado di "tirare fuori" solo 0, 1 kgf, mentre il suo "fratello" quantistico più giovane è fino a 500 kgf.

Una caratteristica di un motore quantistico è il funzionamento in modalità pulsata, dove è molto superiore a un motore a razzo, poiché spende troppa energia per "riscaldare" lo spazio con prodotti di combustione e, secondo gli esperti, questa categoria di motori ha raggiunto il suo limiti.

Inventore V. Leonov

Come fonte di energia per un motore quantistico, Vladimir Leonov propone di utilizzare un reattore a fusione nucleare fredda alimentato da nichel, la cui produzione di energia è un milione di volte superiore al miglior combustibile chimico.

Secondo i calcoli dello scienziato, un veicolo spaziale con un motore quantistico sarà in grado di accelerare fino a 1000 km / s, il che significa che, ad esempio, sarà possibile volare su Marte in sole 42 ore e sulla Luna in 3, 6 ore, senza sperimentare l'assenza di gravità.

Le invenzioni dello scienziato si basano sulla teoria fondamentale della Superunificazione, creata dallo stesso Leonov. La teoria si basa sull'esistenza di un quanto di spazio-tempo, il cosiddetto quanto. È lui, secondo l'inventore, gli elementi mancanti della tavola periodica, senza la cui partecipazione il resto degli elementi non può essere formato.