I bombi "insegnano" alle piante a riprodursi più attivamente

Le piante possono attivare le loro capacità riproduttive con l'aiuto di insetti che raccolgono il nettare. A questa conclusione sono giunti scienziati delle università di Edimburgo e Calgary, quando, durante gli esperimenti, hanno scoperto che le piante del miele dispongono i loro fiori nel modo più conveniente possibile per le api.

I ricercatori, non senza ragione, ritengono che ciò sia diventato possibile come risultato di una lunga evoluzione nel corso di migliaia di anni di coesistenza di api e piante. È stato riscontrato che diverse combinazioni di forma, dimensione e colore dei fiori influenzano le modalità di impollinazione da parte di insetti e uccelli.

Gli scienziati hanno studiato le caratteristiche del volo dei bombi che raccolgono il nettare dai fiori di larkspur selvatici nella provincia canadese dell'Alberta. Quindi, se i fiori si trovavano su un lato dello stelo, i bombi preferivano volare verticalmente tra di loro. Se i fiori erano attorno all'intero perimetro dello stelo, i bombi quasi non volavano in alto.

Larkspur

Di conseguenza, i partecipanti alla ricerca hanno concluso che le piante controllano il processo di raccolta del polline da parte degli insetti. I risultati ottenuti aiuteranno a spiegare perché circa la metà di tutte le piante da fiore può avere caratteristiche femminili o maschili in momenti diversi, il che aumenta significativamente le loro possibilità di riproduzione.