Negli Stati Uniti è stato trovato un nuovo modo per creare aerogel ultraleggeri da nanofili

Il nuovo aerogel in nanofili d'argento è così leggero che può giacere su un bocciolo senza danneggiarlo

Gli scienziati del Livermore National Laboratory (USA) hanno sviluppato un nuovo aerogel ultraleggero fatto di nanofili d'argento, che probabilmente troverà applicazioni nell'energia e nell'elettronica.

Recentemente, i metalli espansi (metalli porosi) hanno formato una nuova classe di materiali con proprietà uniche: peso molto ridotto, ampia superficie, alta conducibilità elettrica e bassa conduttività termica.

Tuttavia, i metodi di produzione di metallo espanso convenzionali sono molto costosi in quanto richiedono alta temperatura, pressione e un ambiente privo di ossigeno. Gli scienziati hanno trovato una via d'uscita da questa situazione creando blocchi di nanofili d'argento. L'aerogel ottenuto da esso può cambiare la sua densità se esposto alla sua struttura dei pori, che ne aumenta la conduttività elettrica e le proprietà meccaniche.

I blocchi di nanofili d'argento vengono prodotti sintetizzando un poliolo e purificandolo mediante precipitazione selettiva. Per ottenere la forma desiderata, il blocco viene posto in una sospensione acquosa seguita da sinterizzazione termica per saldare i giunti dei nanofili.