Democrazia in cinese: il partito obbliga i cittadini a leggere e seguire i discorsi di Xi Jinping sui social media

Il China Media Project riporta che nell'ultima riunione del Partito comunista cinese, ai suoi dipendenti è stato ordinato di installare l'applicazione "Xi Study (Xue Xi) Strong Nation" sui loro smartphone. Fornisce agli utenti l'accesso a discorsi, consigli e scritti del presidente Xi Jinping, monitorando il modo in cui utilizzano il contenuto. L'attività degli utenti nel familiarizzare con la saggezza del partito viene valutata in punti, il cui accumulo aiuta a costruire una carriera.

Secondo alcune indiscrezioni, in una delle città della Cina le autorità hanno già fissato uno standard per gli insegnanti: 40 punti al giorno. Considerando che viene assegnato 1 punto per 30 minuti di visione del discorso di C e dei suoi collaboratori, e 0, 1 punto per il completamento di ogni frammento di un file multimediale, questo non è facile. In particolare, l'applicazione fa in modo che gli utenti non imbrogliano, non eseguano altre cose parallelamente alla visualizzazione, ma si concentrino interamente sull'istruzione.

Ma se tutto accade apertamente per i membri del partito, i funzionari e gli impiegati statali, il secondo progetto è segreto. Gli hacker del gruppo Global CERT l'hanno trovato accidentalmente mentre cercavano nuove vulnerabilità. Si tratta di un database con informazioni dai social network, profili utente, loro messaggi, dichiarazioni e download. Ogni giorno, circa 380 milioni di profili passano attraverso il sistema server su MongoDB, inclusi i dati di servizi presumibilmente protetti: TenCent QQ e WeChat, WangWang Alibaba Group.

Le informazioni raccolte vengono inviate alle stazioni di polizia, dove ogni giorno vengono controllati manualmente 2, 6-3mila incidenti. Il database ha una velocità di sincronizzazione sorprendente e include già dati sulle opinioni e sui sentimenti dei residenti di 18 province in Cina. Attraverso tali misure, le autorità sostengono la "democrazia in stile cinese" studiando costantemente lo stato d'animo dominante nella società.