Un disegno di un gatto gigante, di 2000 anni, trovato nel deserto di Nazca

Secondo gli archeologi, l'età di un gatto gigante, un disegno su una collina recentemente scoperto nel deserto peruviano di Nazca, ha almeno 2000 anni. Il geoglifo è lungo 37 metri.

Il ritrovamento, scoperto accidentalmente dal ponte di osservazione del Mirador Natural, si unirà alla lista dei disegni di fama mondiale nel deserto di Nazca, creati intorno al 500 a.C. e. al 500 d.C. e.

La creazione di modelli giganti unici è stata resa possibile dalla combinazione di due strati di terreno contrastanti: quello superiore, che è un ciottolo bruno-rossastro, e quello inferiore, costituito da terreno grigio-giallo. Gli artisti antichi hanno creato le loro creazioni rimuovendo lo strato superiore in alcuni punti, esponendo quello inferiore più chiaro.

L'eccellente conservazione dei geoglifi per migliaia di anni è stata facilitata da una piccola quantità di precipitazioni, debole attività eolica e una quasi completa assenza di erosione del suolo in questa regione. Inoltre, lo strato inferiore contiene molta calce e si indurisce sotto l'influenza dell'umidità, enfatizzando così la linea del motivo.

Grazie alla moderna tecnologia, la ricerca di nuovi geoglifi è diventata più efficiente negli ultimi anni. Tuttavia, anche questo ha i suoi problemi: in particolare, alcuni dei disegni si sono rivelati danneggiati dalle ruote dei camion.

Il disegno del gatto è sfuggito a un destino simile. Dopo la scoperta, è stato accuratamente pulito e riportato alla sua forma originale.