Fuga di metano trovata nel fondo dell'Antartide - e questo è molto brutto

Notizie allarmanti: sul fondo vicino all'Antartide, gli scienziati hanno registrato per la prima volta una perdita attiva di metano, un gas serra che influisce sul riscaldamento globale molto più dell'anidride carbonica. Questa conclusione basata sul rapporto del gruppo di scienziati è stata pubblicata martedì sulla rivista della Royal Society of London - Proceedigs of the Royal Society.

La perdita di metano preoccupa seriamente anche gli scienziati a causa del fatto che non ci sono abbastanza microrganismi in questa regione che consumano il gas prima che entri nell'atmosfera. La perdita è stata scoperta per la prima volta nel 2011 e solo cinque anni dopo sono comparsi i microrganismi che filtrano il metano. Tuttavia, a giudicare dal fatto che il gas penetra nell'atmosfera, i loro sforzi non sono sufficienti.

Secondo gli scienziati, sotto il ghiaccio dei mari antartici sono contenute fino a un quarto delle riserve di metano della terra e la sua fuoriuscita accelererà in modo significativo lo scioglimento del ghiaccio e l'aumento delle temperature globali.

Dal rapporto risulta anche che i risultati ottenuti ampliano la comprensione di come il metano viene consumato e rilasciato in Antartide, di cui in precedenza non si sapeva quasi nulla.

Sfortunatamente, non è noto quando gli scienziati avranno l'opportunità di tornare in Antartide per continuare la ricerca. La pandemia di coronavirus ha confuso tutti i piani per gli anni a venire.